Isolamento Acustico Roma Centro

Questa scheda è stata visualizzata 147 volte
Isolamento Acustico Roma Centro
User Rating: 5 (1 votes)

Si poseranno lungo tutto il perimetro della contro  parete le nostre speciali  striscie antivibranti su cui appoggerà il telaio metallico di sostegno; l’intercapedine creata sarà riempita con un fonoassorbente che abbina alle caratteristiche acustiche la massima stabilità di prestazioni nel tempo ed assoluta sicurezza e non tossicità; rivestimento del telaio con lastre in cartongesso  speciali, accoppiate con masse antivibranti ed applicate con una tecnica da noi sviluppata che limiterà  le trasmissioni perimetrali; successiva perfetta sigillatura di tutti i giunti.  Le scatolette elettriche spesso sono un punto di perdita notevole, ma noi possiamo modificarne parzialmente la posizione, impedendo che diventino un ponte acustico.  La contro  parete insonorizzata così ottenuta ha prestazioni molto elevate, sia per impedire che il rumore esterno entri in casa vostra ed ancora di più per impedire che i suoni da voi prodotti ( ad esempio per i musicisti) disturbino i vicini.  Stratigrafia non idonea e l’analisi dell’efficienza dei materiali  Ci riferiamo qui a tipologie costruttive di vasto impiego (passato ma anche sorprendentemente attuale) ovvero a partizioni verticali costituite da pareti monolitiche in laterizio porizzato di spessore 25 o 30 cm oppure da pareti stratificate in doppio tramezzo tradizionale di spessore 8 cm con intercapedine di qualche centimetro d’aria o di polistirene

Tecnica di come si è arrivati alla misurazione Isolamento acustico Roma centro

Tali elementi divisori sono in gran parte caratterizzati da poteri fonoisolanti apparenti (cioè misurati in opera) dell’ordine di 45-46 dB; si tratta pertanto di pareti non a norma  Riportiamo qui i risultati ottenuti in sette casi, all’uopo selezionati, in cui le pareti divisorie tra distinte unità immobiliari rientravano nella tipologia appena descritta. Sono state scelte partizioni aventi condizioni al contorno simili, di divisione tra camere da letto o zone giorno, di dimensioni 2,70 x 4,00 m circa, interposte tra solai in laterocemento. Per tutte queste situazioni si poteva escludere la presenza di ponti acustici di particolare rilevanza tecnica. La bonifica acustica è stata progettata partendo dall’esame delle stratigrafie delle partizioni, analizzando l’impianto distributivo delle unità interessate e di quelle confinanti.  Particolare attenzione è stata posta nell’analisi dei risultati delle misure fonometriche condotte in situ sullo stato di fatto delle pareti oggetto di contestazione. Tutte le prove strumentali sono state eseguite da Tecnici Competenti in Acustica secondo le norme tecniche UNI EN ISO Una volta individuato in maniera univoca il tipo di problematica, si è provveduto a realizzare soluzioni per la bonifica acustica mediante l’applicazione di sistemi a secco, costituiti da contro  pareti con struttura e lastre in cartongesso ad alta densità accoppiate a membrane polimeriche massive fono  impedenti

Vincoli acustici usati esclusivamente dal lamentanteIsolamento acustico Roma centro

La tipologia di contro  parete utilizzata in ciascun caso ha la medesima stratigrafia ed è costituita da prodotti installati da squadre specializzate.  Alcuni vincoli alla progettazione sono stati posti dalla Committenza e dal buon senso:si è potuto intervenire esclusivamente nell’unità del lamentante ;si è dovuto optare per una tipologia di intervento non invasiva, sufficientemente economica e rapida, trattandosi di unità arredate e abitate;si è dovuto limitare lo spessore globale della contro parete, dovendo evitare, anche per questioni amministrative, eccessive riduzioni di volumi e superfici degli ambienti trattati  I risultati ottenuti dopo gli interventi di bonifica evidenziano la rispondenza ai requisiti imposti dalla normativa per quanto riguarda il potere fonoisolante apparente misurato testando le nuove stratigrafie.

Tel: 0645548090