Pompe Di Calore Roma Centro

Questa scheda è stata visualizzata 46 volte
Pompe Di Calore Roma Centro
User Rating: 5 (1 votes)

Dimensioni unità esterna Pompe di calore Roma Centro per termosifoni a parità di marca e modello, variare la capacità termica può voler dire cambiare parecchio dimensioni ed peso dell’unità esterna della pompa di calore per termosifoni.

La capacità termica di una pompa di calore aria acqua per termosifoni è infatti legata a: ampiezza della superficie di scambio tra aria esterna e gas refrigerante  intensità del flusso d’aria  salendo molto con la potenza termica troviamo spesso una doppia ventola che rende l’altezza dell’unità esterna davvero importante. prendiamo come esempio illustrativo le tre taglie di unità esterna della pompa di calore mitsubishi  ecodan split:   questo è un fattore ovviamente da prendere in considerazione se abbiamo vincoli di spazio o peso per l’installazione dell’unità esterna e direi particolarmente importante in caso di appartamento.  anche in questo caso scegliere la taglia di potenza termica più piccola possibile potrebbe essere vantaggioso.

vediamo anche, sempre a titolo illustrativo, il confronto tra le unità esterne dei modelli split e monoblocco della panasonic aquarea alta connettività generazione j: come vedete l’unità esterna monoblocco è decisamente più ingombrante e pesante della corrispondente split. concludiamo con un confronto concreto tra una unità esterna split (collegamento con gas refrigerante all’unità interna), una idro split (collegamento con acqua all’unità interna) ed una monoblocco (collegamento con acqua direttamente con i termosifoni) con potenza termica simile della pompa di calore daikin altherma 3:  ome vedete, a parità di potenza termica, passando da unità esterna split, ad idro split e monoblocco ingombro e peso lievitano.

aggiungerei un ulteriore raffinamento: molto spesso ci sono diverse taglie di potenza termica che utilizzano la medesima struttura dell’unità esterna, in particolare lo scambiatore di calore a lamelle tra l’aria esterna ed il gas refrigerante. a parità di potenza termica generata, maggiore è la superficie di scambio e minore sarà l’incidenza degli sbrinamenti che contribuiscono a ridurre l’efficienza complessiva. siccome per non esperti è dura riconoscere lo scambiatore lamellare con maggiore superficie, scegliere la taglia di potenza termica più piccola possibile a parità di dimensioni dell’unità esterna potrebbe portare un ulteriore miglioramento nel rendimento complessivo. per approfondire leggi il mio articolo sullo sbrinamento della pompa di calore. dimensioni unità interna pompa di calore per termosifoni  passando all’unità interna di una pompa di calore split, gli ingombri dipendono fondamentalmente dalla presenza o meno dell’accumulo per la produzione di acqua calda sanitaria e poi in seconda battuta dalla capacità del serbatoio stesso. sostanzialmente non vi è dipendenza dalla capacità termica.

partiamo mettendo a confronto le dimensioni di diverse unità interne senza accumulo che prevedono tutte l’installazione a muro:  pompa di calore per termosifoni smart  facendo tesoro della mia esperienza personale, raccomando anche di scegliere una pompa di calore per termosifoni in cui sia facile e comodo accedere ai parametri di funzionamento per capire ed ottimizzare il comportamento del sistema, in particolare: temperatura di mandata corrente e set-point temperatura di ritorno modalità di funzionamento corrente (riscaldamento, produzione acqua calda sanitaria, sbrinamento) parametri curva climatica temperatura esterna pur avendo lasciato indietro fior di aziende, come vedete c’è solo l’imbarazzo nella scelta che dipende dalle proprie esigenze, soprattutto in termini di spazi disponibili o vincoli dati dall’impianto di riscaldamento e produzione acqua calda sanitaria esistente.

Tel: 0645548090