Geriatria Roma Centro

Questa scheda è stata visualizzata 29 volte
Geriatria Roma Centro
User Rating: 5 (1 votes)

I professionisti di  Geriatria Roma Centro   diventano un elemento chiave per codificare il disagio del paziente. Ma sono imprescindibili anche per il caregiver, o il familiare di riferimento. Gli interventi rivolti ai familiari hanno molteplici scopi:

Aiutano nella comprensione di ciò che accade al proprio caro   migliorano le strategie per fronteggiare lo stress che la gestione di un malato con demenza implica   valutano nel corso del tempo lo stato emotivo del caregiver per stabilire una eventuale presa in carico. Come si cura il decadimento cognitivo?  Il trattamento e la cura del decadimento cognitivo dipendono dalla causa sottostante della condizione.

In molti casi, il decadimento cognitivo è causato da condizioni come la demenza, l’Alzheimer o altre malattie neurologiche, e il trattamento si concentra principalmente sulla gestione dei sintomi e sul rallentamento della progressione della malattia. Oltre alle terapie farmacologiche, alcuni approcci comuni includono:

Terapie cognitive: la terapia cognitivo-comportamentale (TCC) può essere utile nel migliorare la gestione delle difficoltà cognitive e nell’affrontare le emozioni correlate alla malattia.Terapie di supporto: le terapie di supporto, come la terapia occupazionale e la terapia del linguaggio, possono aiutare a mantenere e migliorare le abilità cognitive e funzionali.

Modifiche allo stile di vita: adottare uno stile di vita sano, che includa una dieta equilibrata, l’esercizio fisico regolare, il sonno adeguato e l’attività mentale stimolante, può contribuire a mantenere la salute cognitiva. Supporto sociale ed emotivo: il sostegno da parte di familiari, amici e professionisti può aiutare a gestire il decadimento cognitivo e migliorare la qualità della vita del paziente.

Gestione delle condizioni mediche sottostanti: in alcuni casi, il decadimento cognitivo può essere causato da condizioni mediche come l’ipotiroidismo o carenze vitaminiche, quindi il trattamento di queste condizioni può aiutare a migliorare la funzione cognitiva.È importante consultare un medico o uno specialista per una valutazione e una diagnosi accurata, in modo da poter pianificare un trattamento adeguato in base alle esigenze specifiche del paziente.

Quali sono i farmaci per la demenza?  I farmaci per la demenza sono pensati per trattare i sintomi della malattia e possono contribuire a migliorare temporaneamente la funzione cognitiva, rallentare la progressione dei sintomi o alleviare alcuni disturbi comportamentali associati alla demenza. Tuttavia, è importante notare che non esistono farmaci in grado di curare completamente la demenza o invertirne il corso.

I principali farmaci utilizzati per trattare la demenza appartengono a due categorie  Inibitori dell’acetilcolinesterasi: questi farmaci aumentano i livelli di un neurotrasmettitore chiamato acetilcolina nel cervello, il quale è coinvolto nei processi cognitivi. Gli inibitori dell’acetilcolinesterasi possono aiutare a migliorare temporaneamente la memoria, l’attenzione e la capacità di svolgere attività quotidiane.

Alcuni esempi di inibitori dell’acetilcolinesterasi includono donepezil, rivastigmina e galantamina.Memantina: questo farmaco agisce regolando un altro neurotrasmettitore chiamato glutammato, che è coinvolto nei processi di apprendimento e memoria. La memantina può essere utilizzata da sola o in combinazione con gli inibitori dell’acetilcolinesterasi per trattare la demenza moderata o grave.

In Italia la legislazione nazionale non prevede lo psicologo nei servizi agli anziani, mentre a livello regionale lo psicologo è presente a macchia di leopardo e nelle zone più virtuose (il Veneto per esempio prevede la presenza obbligatoria dello psicologo ogni 120 anziani autonomi e non).

Tel: 0645548090